Moldavia
Sondaggio
Newsletter
Rimani sempre aggiornato!Iscriviti alla nostra newsletter

Hai del tempo libero?...... diventa volontario scopri come aiutarci
Diventare soci è un altro modo per condividere le nostre iniziative e sostenere i nostri progetti....
diventa socio scopri come aiutarci
Contatti
Casella Postale 46
21023 Besozzo (VA)
email: info@italiamoldavia.org

Tel-Fax 0332 / 772920

PROGETTI REALIZZATI

CASA MARE” - 2011

L’espressione Casa mare è, nella lingua romena, una definizione che evoca molteplici sentimenti ed emozioni. La sua traduzione letterale in italiano, La Grande Casa, non rappresenta plasticamente il senso intrinseco del suo vero significato, tramandato nei secoli dal vasto mondo delle tradizioni popolari romene.Casa mare rappresenta per ogni romeno ed in particolare per ogni moldavo (appartenente allo storico Principato di Moldova, oggi diviso tra tre Stati :la Romania, la Repubblica Moldova e l’Ucraina) un locale, generalmente una parte della propria casa, riservato agli ospiti più graditi, un area di accoglienza da rispettare e da preservare per ogni, magari inaspettata, visita di amici e parenti. Qualche anno fa, le ragazze si riunivano nei fine settimana nella Casa Mare ed intonando canzoni, cucivano e ricamavano a mano la loro dote. I maschi potevano entrare solo per tener loro compagnia ma solo suonando strumenti. In questa stanza, considerata sacra, dopo il Battesimo, il bambino appena nato veniva consegnato alle cure della mamma. Ancor oggi, in ogni villaggio della Repubblica Moldova e di Romania non c’è casa dove non ci sia una stanza particolarmente arredata con tende e tappeti lavorati a mano in cui si conserva la dote delle figlie.
Ed è nella Casa Mare che, quando muore un componente della famiglia, questa stanza si usa per tenere la veglia funebre per l’ultimo addio di amici e parenti.
Insomma, un vero simbolo di sacralità familiare!Il progetto Casa Mare (di seguito indicato solo come progetto), intende ispirarsi ai principi, valori e sentimenti intimamente connessi con il significato del suo nome.
Trattasi di ricostruire, in terra straniera, quei presupposti di accoglienza e di generosità tipici delle civiltà tradizionali contadine quali quelle ancora ben vive nel “mondo romeno”. Il progetto ambisce a costruire un’inversione di ruoli tra il cittadino romeno/moldavo immigrato in un Paese straniero e l’italiano indigeno ospitante: realizzare una Casa Mare in Italia come luogo di incontro e di accoglienza in cui promuovere forme di coesione e di sviluppo sociale, culturale ed economico.
Si vuole costituire un centro di riferimento non solo per i molti cittadini romeno/moldavi presenti sul territorio ma anche e soprattutto, un luogo di incontro per tutti coloro che, animati dalla sete di conoscenza, vogliano avvicinarsi e scoprire usi, costumi, tradizioni e culture di quella parte di Europa che per troppi decenni è stata ignorata e sconosciuta.
Il progetto intende quindi svilupparsi come segue:

  1. localizzare un’area da destinare alla Casa Mare da ricercarsi sul territorio della Provincia di Varese;
  2. censire e contattare le realtà associative romeno/moldave del territorio lombardo oltre che singole individualità;
  3. costituire un gruppo di lavoro per settori di competenza in grado di poter gestire le attività future;
  4. programmare un calendario di eventi culturali in modo da poter riscontrare l’attenzione ed il coinvolgimento della comunità locale;
  5. promuovere ogni forma di divulgazione (cartacea ed informatica) anche con l’ausilio di servizi radio-televisivi utili alla promozione degli eventi in calendario ed alla scoperta turistico/paesaggistica della Moldova;
  6. valorizzare il patrimonio artistico artigianale moldavo attraverso concerti, esposizioni e mostre sul territorio oltre che mediante una vetrina commerciale da realizzarsi sia on-line che nella sede della Casa Mare

Tutti gli eventi e le manifestazioni che verranno programmate sul territorio della Provincia di Varese e nella intera Regione Lombardia, saranno rese possibili solo grazie ad un intenso scambio di collaborazione con alcune realtà culturali moldave, attive sui territori di Romania e della Repubblica Moldova. In particolare, le rispettive associazioni che riuniscono gli artisti popolari moldavi, svolgeranno un ruolo di primaria importanza nello sviluppo progettuale. Attraverso il loro contributo in termini di esperienza professionale artistica, si potranno realizzare, in Italia, mostre ed esposizioni di altissimo livello qualitativo, approfondire storie e leggende ancestrali del popolo romeno/moldavo, partecipare a manifestazioni di musica folcloristica e tutto quanto potrà contribuire a far conoscere il vasto mondo della cultura tradizionale romena.
Al fine di rendere perpetuo questo enorme patrimonio culturale, il progetto intende rivolgersi anche alle istituzioni scolastiche moldave per permettere loro di rendere meglio efficace e più qualificante lo studio e l’applicazione delle arti manuali artigianali ed artistiche ai loro studenti. Dotando di strumenti più idonei alcuni laboratori scolastici d’arte per accrescerne la qualità dell’insegnamento attraverso la collaborazione diretta con il mondo degli artisti più affermati, anche prevedendo per gli studenti più meritevoli, periodi di stage a bottega, contribuirà a valorizzare l’apprendimento di arti antiche, oggi purtroppo poco considerate in termini economici e di raro interesse per i giovani come sviluppo professionale.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI SUL PROGETTO E LA SUA REALIZZAZIONE, VISITA IL SITO :

http://www.lacasamare.org/index.php

UN MONDO IN UN QUARTIERE - 2009

Progetto in partenariato

Il progetto prevede di sviluppare una maggior coesione sociale tra la popolazione locale della provincia di Varese e tutte le altre “nuove cittadinanze” presenti sul territorio.

Attraverso percorsi di scoperta e conoscenza, ci si prefigge di costituire un giusto humus favorevole ad una pacifica, attiva e proficua convivenza tra le diverse culture rappresentate dal vasto mondo dei “migranti”.

Trattasi di realizzare una serie di manifestazioni socio-culturali (cucina etnica, concorso internazionale di poesia, mostra di pittura di artisti internazionali del territorio, concerto multietnico, mini torneo di calcio, assemblea pubblica per conoscenza delle realtà straniere locali e loro disagi, con proiezione di filmati e dibattiti) e uno strumento di divulgazione televisiva in grado di fornire tutte le informazioni utili alla piena integrazione dello straniero in Italia oltre che permettere di scoprire agli ascoltatori italiani, nuovi Paesi, culture e tradizioni ad oggi sconosciute.

Verrà pertanto preparato un format televisivo settimanale che verrà trasmesso in una rete locale della Provincia di Varese. Un vero e proprio notiziario multi-etnico in grado di affrontare le nuove sfide della complessa società odierna.

Oltre ai normali servizi informativi che verranno messi in onda ogni settimana, una volta al mese il programma sarà dedicato anche alla presentazione di un Paese straniero attraverso immagini, proposte turistiche ed interviste con ospiti istituzionali o di particolare rappresentanza del Paese trattato.
Premesse

Siamo partiti constatando che la grande presenza di stranieri anche nella provincia di Varese comporta spesso una tendenza a chiudersi all’interno del proprio gruppo etnico di appartenenza. Quindi al fine di favorire una maggiore conoscenza reciproca sia da parte dei diversi gruppi stranieri stessi, sia da parte della comunità locale si è pensato di fornire una serie di strumenti/occasioni per tale scopo e per creare una maggiore coesione sociale, in particolare nel quartiere di San Fermo a Varese. Tale quartiere offre delle buone possibilità di integrazione sia dal punto di vista strutturale poiché possiede una grande sala in cui è possibile effettuare riunioni, feste, mostre e concerti, oltre a strutture sportive adeguate, sia dal punto di vista sociale, poiché in collaborazione con l’oratorio e le scuole è possibile coinvolgere un numero adeguato di abitanti. Si tratta poi di un quartiere dove il disagio sociale è sempre stato presente e anche oggi l’inserimento di famiglie straniere è corredato da diverse difficoltà difficili da superare.


DUE RUOTE PER LA MOLDOVA - 2008

Da Besozzo a Chisinau, 2.400 chilometri in bicicletta con i bambini moldavi malati di diabete nel cuore!

Clicca per vedere il progetto
Clicca per conoscere l'itinerario

Il progetto nasce dalla volontà dell’Associazione di Promozione Sociale Italia-Moldavia (onlus) di incentivare e sviluppare le relazioni sociali ed interculturali tra la Provincia di Varese e la Repubblica Moldova.
L’intento, previsto come una delle finalità statutarie dell’Associazione, viene analizzato e progettato attraverso un percorso insolito e particolare, utilizzando la promozione dello sport del ciclismo come catalizzatore di socializzazione.
Il progetto viene motivato soprattutto dallo straordinario evento sportivo mondiale che si svolgerà a Varese nel prossimo mese di settembre, un eccezionale volano di promozione ciclistica che potrà certamente far sviluppare questa disciplina anche nei Paesi, come la Repubblica Moldova,  in cui il ciclismo..... (leggi tutto)


SOS DIABETE - 2007

Il progetto nasce dalla constatazione delle drammaticità sociali causate nella Repubblica Moldova (Moldavia) dal diabete ed in particolare dalla patologia infantile. L’assoluta mancanza di strutture competenti e di una adeguata informazione generale sulle modalità di approccio e di convivenza col diabete, hanno creato un vero e proprio stato di allarme socio-sanitario in tutto il Paese. Non esistono centri di Diabetologia infantile nel territorio nazionale al di fuori di un piccolo reparto collocato in un ospedale pediatrico della capitale Chisinau che assiste periodicamente i 400 bambini moldavi affetti da diabete di tipo 1. Risultano purtroppo ancora numerosi i casi di decessi infantili causati da coma diabetico, in particolare nelle comunità agricole dei villaggi, isolati e privati da ogni forma di conoscenza medica riguardante il diabete. Il progetto intende pertanto supportare gli sforzi medici e scientifici in favore dell'infanzia moldava affetta da diabete e sviluppare una sensibilità collettiva in grado di riconoscere e contrastare i disturbi e le patologie diabetiche. Il progetto si avvarrà dell’ impiego di volontari italiani e moldavi oltre che di medici specialisti ed assistenti sociali in grado di fornire adeguate competenze e servizi socio-sanitari. Verranno privilegiati gli sforzi tendenti a costituire una rete di servizi ai nuclei famigliari interessati (genitori e bambini diabetici) al fine di migliorarne sensibilmente le loro condizioni psicologiche e di vita. Contemporaneamente si opererà all’interno della struttura sanitaria evidenziata per migliorare le strutture alloggiative e di lavoro del personale medico offrendo loro adeguata assistenza scientifica ed operativa.


ALTRI PROGETTI REALIZZATI

  1. Interventi curativi in favore di due minori invalidi di 1° grado mediante ricoveri ospedalieri in Russia;
  2. Organizzazione di colonie estive sul territorio della Repubblica Moldova riservate ai bambini inseriti nel programma d’adozione a distanza;
  3. Finanziamenti di micro-progetti di cooperazione allo sviluppo nel Comune di Ursoaia per la realizzazione di opere edili di pubblica necessità (lavori di asfaltatura, illuminazione strada principale, costruzione ponte, riparazione area esterna dell’asilo ed acquisto giochi, realizzazione rete idrica potabile per asilo).
  4. Finanziamenti di micro-progetti di cooperazione allo sviluppo nel Comune di Hiluti per la realizzazione di opere di pubblica utilità (recinzione area esterna dell’asilo, acquisto attrezzature didattiche e ludiche per i bambini frequentanti l’asilo.
  5. Finanziamento per l’acquisto di importanti apparecchiature medico-riabilitative in favore dei bambini ospiti dell’Ospedale Regionale Pediatrico di Ialoveni.
     
  6. Collaborazione con il Liceo “Dante Alighieri” di Chisinau in occasione della manifestazione culturale “Le Giornate Dantesche”. In particolare si sono realizzati:
    1. mostra della Provincia di Varese nella nota biblioteca O. Ghibu di Chisinau
    2. istituzione di un premio letterario destinato agli studenti liceali di lingua italiana
    3. esibizione di un coro italiano nella Repubblica Moldova
    4. esibizione del gruppo corale folcloristico della scuola elementare del Liceo “Dante Alighieri” ad un concorso internazionale canoro per bambini in Italia
  7. Collaborazione con l’Università Pedagogica “I. Creanga” di Chisinau e donazione alla biblioteca dell’aula d’italianistica di centinaia di libri di autori italiani;
  8. Collaborazione con l’Università Statale di Moldova attraverso il patrocinio riconosciuto dall’associazione al corso di lingua italiana istituito dalla Facoltà di Lettere e Letteratura;
  9. Collaborazione con l’Università “ULIM” di Chisinau per l’incremento degli scambi scientifici e culturali tra gli studenti moldavi e quelli dell’Università dell’Insubria di Varese.

 

SOSTIENI I NOSTRI PROGETTICON UN TUO CONTRIBUTO (DONA SUBITO)

 

   
 
Homepage

    Associazione di Promozione Sociale Italia - Moldavia ONLUS © italiamoldavia 2011. All rights reserved | Web Design PC Solution